Medyfit logo
Medyfit logo

Medyfit | Come rafforzare il nostro sistema immunitario

24/03/2020 - Scritto da: Dott. Tommaso Cusimano

In questo periodo di emergenza da coronavirus sentiamo parlare più del solito di fare attenzione a rispettare precise indicazioni igienico sanitarie, al fine di tutelare la nostra salute e contrastare la diffusione del contagio.

Ma nessuno ci dice come rafforzare la nostra arma individuale, il sistema immunitario, che aiuta a difenderci da attacchi esterni ed interni.

Il nuovo coronavirus infatti ha una caratteristica: non esprime la sua virulenza solo uccidendo le cellule come fanno diversi suoi “colleghi” virus, ma provoca una profonda alterazione del sistema immunitario.

Ho deciso di raccogliere qualche informazione per spiegarvi come aiutare questa nostra barriera naturale.

Innanzitutto è possibile rinforzare il nostro sistema immunitario? La domanda è sicuramente interessante ma l’idea di riuscirci davvero è complessa proprio perché è un sistema, non un singolo organo, e per funzionare bene richiede armonia ed equilibrio.

Quindi iniziamo a capire da cosa è garantita questa armonia.

I batteri che popolano il nostro corpo fuori e dentro esistono da molto più tempo dell’uomo e sono arrivati a una situazione di pacifica convivenza.

Questo solo perché nel nostro organismo hanno trovato una serie di condizioni ideali come temperatura, umidità, pH (acidità) costanti e nutrienti (zuccheri).

Ovviamente esistono popolazioni di batteri che possono essere dannosi per il nostro organismo. Questi batteri aggressivi, come avviene con i virus, prima di diventare pericolosi devono attecchire.

L’attecchimento è una situazione che diventa possibile solo quando i nostri batteri buoni, ad esempio probiotici di difesa come lattobacilli e bifidobatteri, sono stati in buona parte eliminati o comunque notevolmente ridotti dai nostri cattivi comportamenti.

La prima difesa contro le malattie è quindi adottare uno stile di vita sano.

Questo si traduce brevemente nel fare esercizio fisico con regolarità, seguire una dieta ricca ma equilibrata, mantenere il peso forma, tenere sotto controllo la pressione, dormire a sufficienza, non fumare e se si consumano alcolici farlo con moderazione.

Non tenere conto di tutte queste cose favorisce un’alterazione del nostro pH interno, portandoci verso una situazione di acidosi metabolica.

Questo è un problema perché per poter rendere ottimali tutte le nostre reazioni biochimiche è necessario un pH neutro-alcalino. Il mantenimento di un pH acido si traduce poco alla volta con l’abolizione del nostro sistema anticorpale.

In sostanza l’aumento del pH acido ci espone maggiormente all’attacco di patogeni già presenti nel nostro corpo. I nostri batteri “di difesa” impegnati a combattere l’incremento di questi patogeni interni non riescono più a contrastare l’eventuale arrivo di virus, batteri, parassiti o tossine.

Questo è uno dei modi che favorisce ad esempio l’attecchimento di polmoniti batteriche o virali.

Le nostre condizioni di salute sono quindi essenziali, perché la famiglia dei coronavirus ha sempre dato piccole o grandi epidemie nel passato, ma come abbiamo visto il covid-19 sembra essere più facilmente trasmissibile e particolarmente aggressivo soprattutto nelle persone che hanno un sistema immunitario defedato o con scarse possibilità reattive come i soggetti anziani.

Allora come possiamo fare per renderlo più efficacie?

1. Dal punto di vista dell’attività fisica sappiamo che esercizi di intensità lieve o di breve durata attivano la nostra risposta immunitaria, ma sforzi prolungati (più di un’ora) o con elevata intensità causano immunosoppressione nella fase successiva all’esercizio.

Da qui l’importanza di ottimizzare l’allenamento, in modo da esprimere un buon lavoro muscolare, riducendo lo sforzo fisico eccessivo ed evitando di arrivare a situazioni di respirazione affannosa.

La letteratura inoltre ci dice che l’esercizio è utile nella prevenzione cardiovascolare e questo permette anche alle cellule del sistema immunitario di circolare più liberamente.

Il mio consiglio è quindi di mantenersi attivi anche a casa, dedicare del tempo a esercizi cardiovascolari almeno due volte a settimana, diversificare l’allenamento per non sovraccaricare le strutture muscolari e conoscere come fare al meglio gli esercizi e su quali concentrarsi. In questo il team Medyfit può rendersi disponibile rilasciando dei consigli a seconda delle richieste personali.



2. È utile sapere che anche lo stress psicofisico troppo intenso o protratto può portare a una situazione di immunodeficienza. Le situazioni stressanti creano interferenza tra sistema nervoso, sistema endocrino e sistema immunitario e quindi ritardano la produzione di anticorpi.

Il consiglio che do a chi sta passando del tempo a casa in isolamento è crearsi una routine, svegliarsi la mattina non troppo tardi e programmare delle attività che ci rendano soddisfatti come:



· la lettura o la formazione;

· cucinare qualcosa che ci piace;

· fare esercizio fisico a casa;

· lo yoga e la meditazione;

· guardare un bel film;

· tenersi in contatto con i propri cari.



Queste possono essere alcune ottime strategie per abbattere lo stress cronico.



3. Un altro aiuto per il nostro sistema immunitario è cercare di dormire almeno 7 ore, puntando soprattutto sulla qualità del sonno. Per farlo ci è sicuramente utile allontanare o quantomeno silenziare e ridurre la luminosità di eventuali dispositivi elettronici presenti nella camera da letto perché ogni fonte di luce o rumore disturba il nostro sonno.



4. In ultimo la disidratazione. Bere poco porta l’organismo a vivere in un ambiente infiammato, da cui ne consegue il possibile sviluppo di malattie croniche. È di vitale importanza mantenersi idratati perché il meccanismo dell’assorbimento dei nostri nutrienti a livello intestinale avviene utilizzando l’acqua come mezzo. L’assorbimento intestinale è un meccanismo prioritario, cioè avviene a prescindere da quanto idratati siamo, e se non c’è acqua a sufficienza, questa viene richiamata da altri tessuti che vanno più facilmente incontro a infiammazione, sovraccaricando a loro volta il nostro sistema immunitario.



5. Per quanto riguarda il campo dell’alimentazione e alcune delle sue implicazioni in ambito immunitario nei prossimi giorni uscirà un altro articolo scritto dalla nostra nutrizionista interamente dedicato alla nutraceutica!



Vi ringrazio molto per l’attenzione

Cookie